Proroga per le strutture amovibili dei locali, il commento di Francesca Intermite

Proroga per le strutture amovibili dei locali dal Decreto Aiuti Ter. Intermite (Casaimpresa- Confesercenti): “Bene la previsione, ma c’è bisogno di una disciplina”

Francesca Intermite

“Intravediamo un aspetto concretamente positivo nella decisione di inserire   nel Decreto Aiuti Ter la  proroga per l’estensione della semplificazione per l’occupazione del suolo pubblico per bar, ristoranti e altri pubblici esercizi”. Francesca Intermite, presidente di Casaimpresa, associazione datoriale aderente a Confesercenti, a distanza di qualche giorno, interviene nuovamente sul dl Aiuti Ter.
“La proroga  – prosegue – sembrerebbe essere  l’unica positività del decreto, laddove prevede per i titolari dei locali, la possibilità di continuare a svolgere la propria attività negli spazi esterni attraverso strutture amovibili, come dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni, funzionali allo svolgimento dell’attività stessa.  L’opportunità, nata in piena emergenza Covid per consentire   ai pubblici esercizi di continuare a tenere aperti i propri locali, osservando le necessarie distanze tra gli avventori,  era  prevista dal 1° gennaio 2021 fino al 30 settembre 2022, per effetto di proroghe.  Oggi sarà possibile usufruire di questa possibilità fino a fine anno”.
“Riteniamo però – osserva l’imprenditrice tarantina- che occorrerebbe una regolamentazione più specifica per evitare l’occupazione selvaggia degli spazi, con conseguenti ripercussioni sulla vita dei cittadini,  e non adeguata alle reali esigenze o possibilità di servizio da parte degli esercenti, soprattutto nei locali nei quali non vi è somministrazione assistita. Sento di esprimere questo sull’esperienza fatta nei mesi passati. Dunque, pur riconoscendo in questa ulteriore proroga, la volontà di andare incontro alle esigenze della categoria, in un momento complicatissimo, considero indispensabile che la cosa venga disciplinata e adattata ai vari contesti, nel rispetto delle regole del decoro urbano, dell’igiene e della pulizia degli spazi occupati”.
“E’ improcrastinabile quindi  – conclude Francesca Intermite – un confronto aperto e schietto con le amministrazioni comunali; questo in particolar modo a Taranto, dove la regolamentazione dei dehors va messa in relazione con il grande bisogno di garantire aree parcheggio, in special modo nel borgo umbertino ed in città vecchia, ma anche con  le esigenze dei residenti, le abitudini dei consumatori e la profonda crisi che sta attraversando il settore”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: