ATTACCO DEI SINDACATI ALLA ASL: ADIREMO ALLE VIE LEGALI. CONDOTTA ARBITRARIA E ANTISINDACALE NELLA SANITÀ PUBBLICA.

I sindacati della Funzione pubblica di Cgil, Cisl, Uil hanno inteso di inviare una nota ufficiale in merito alla chiusura del presidio ospedaliero San Pio di Castellaneta, alla Direzione generale della Asl e in copia alla Regione Puglia e alla Prefettura di Taranto.
I segretari Bellanova, Gemma e Messina scrivono:
“Si prende atto della nota prot. 60879 del 6 aprile 2020 con cui si dispone la chiusura temporanea dell’ospedale San Pio.
Esigiamo ancora una volta il confronto sindacale per essere garanti dei lavoratori in merito alla disposizione relativa alla fruizione delle ferie 2019 e delle ferie radiologiche.
Tanto si richiede perché:
– nulla è dato a sapersi in merito alla data del termine della chiusura temporanea;
– nulla è dato a sapersi della modalità di assenza da utilizzare da parte del personale che non dispone né di ferie 2019, né di ferie radiologiche;
– nulla è dato a sapersi di quali siano gli interlocutori a cui fare riferimento.
Le scriventi OO.SS. denunciano inoltre la grave condizione di rischio prodotta dall’ipotesi di trasferire il personale di tale ospedale altrove in considerazione del fatto che siamo evidentemente al cospetto di una maxi quarantena, che nulla ha a che vedere con il rallentamento delle attività durante le festività pasquali, in cui il fattore tempo ha subito la nefasta conseguenza di una serie di decisioni tardive e, ancora peggio, sbagliate.
Pertanto le scriventi O.SS. chiedono urgentemente:
– l’elenco del personale dell’ospedale San Pio con l’indicazione del numero dei dipendenti Covid19 positivi distinto per categoria;
– la giacenza di ferie 2019 per singolo operatore;
– la giacenza di ferie radiologiche per singolo operatore di settore;
– la data di ripresa delle attività.
Inoltre, chiediamo che il personale debba restare a casa risultando in servizio a tutti gli effetti per evitare, come già detto, la disseminazione dell’infezione da Coronavirus,.
E’ diventato un obbligo per le scriventi, alla luce della condotta antisindacale ulteriormente palesata, adire alle vie legali per mettere fine a questa condotta arbitraria, unilaterale e lesiva dei diritti sindacali.
Il grave disorientamento provocato nei lavoratori dalla “non guida” dell’emergenza ha definitivamente mostrato tutti i limiti di una gestione manageriale in una misura gravemente inaspettata”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: