“MOUSIKE’ ET ARETE’ – LA MUSICA ANTICA DELLA MAGNA GRECIA PROTAGONISTA DEL PROGETTO”

di SILVANA GIULIANO

Mousiké et Areté – La musica antica della Magna Grecia”, è il tema del progetto del bando per la selezione di un compositore e di un autore di testi. Protagonista del progetto la musica antica della Magna Grecia.

Alla conferenza stampa, tenutasi nella sala degli incontri del Museo, hanno partecipato: la direttrice del MarTa, Eva Degl’Innocenti, il vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Taranto, Fabiano Marti, il direttore artistico dell’ICO Magna Grecia, Piero Romano, e il direttore artistico ARCOPU, Associazione regionale Cori pugliesi, Pierfranco Semeraro.

“Questo progetto – ha dichiarato Eva Degl’Innocenti – è in collaborazione con l’ICO della Magna Grecia; si tratta di un bando internazionale europeo per selezionare un compositore e un librettista che dovranno creare un’opera originale per coro e orchestra legata alla storia e all’archeologia. Un progetto che unisce la Magna Grecia alla Grecia e ai Balcani; tutor del progetto storico è il funzionario archeologo del MarTa Lorenzo Mancini. I partecipati soggiorneranno per brevi periodi nelle località dove si svolgevano le più importanti competizioni atletiche e musicali. Dopo questa esperienza di studio e di formazione si dedicheranno alla parte compositiva. Nella prima edizione è stato trattato il periodo storico della seconda metà del IV secolo a.C, nella seconda il mito di Taras. Per questa  nuova edizione abbiamo scelto il tema Atleti e citaredi, Taranto ed i grandi agoni panellenici. Gli strumenti dell’antichità erano: l’ αὐλός, tipico strumento a fiato, il flauto, la lira, la cetra, il tamburello utilizzato nei riti dionisiaci tutti raffigurati sulle ceramiche esposte nel Museo; alcuni come la parte di una lira e i cembali sono custoditi nel nostro Museo”.

“Siamo alla terza edizione di un progetto – ha aggiunto Pierfranco Semeraro – nato tre anni fa e per la terza volta rifinanziato dal Ministero della Cultura, infatti ha dimostrato di avere delle positività straordinarie, mettendo la musica al centro di varie sinergie come le attività orchestrali e corali, i testi e infine anche l’editoria. Abbiamo lanciato una call internazionale per individuare un compositore e un autore di testi che per la prima volta quest’anno sarà senza limiti di età, in passato c’era il limite dei 35 anni. Tema di questa edizione è quello legato agli agoni sportivi, anche in vista dei Giochi del Mediterraneo che si svolgeranno a Taranto nel 2026. Il bando è stato approvato qualche mese fa”.

La  parola passa ora alla giuria che è composta dal Maestro Piero Romano, dal Maestro Pierfranco Semeraro, dalla direttrice Eva Degl’Innocenti e dal Vicesindaco del Comune di Taranto Fabiano Marti. Entro il 15 dicembre 2021 saranno individuati e selezionati i vincitori e successivamente, a partire dal mese di gennaio 2022, inizierà il percorso di studio in residenza che vedrà i due studiosi impegnati a svolgere il lavoro di ricerca nei luoghi di pertinenza del progetto, da Taranto, base del progetto, sino agli insediamenti della Magna Grecia in Puglia e Basilicata, infine anche all’estero (Grecia, Albania) per un periodo di quindici giorni (qualora necessario, di un incremento sino ad un massimo di venticinque giorni). Il progetto esecutivo dovrà essere pronto entro il 31 marzo e nel maggio del 2022 ci sarà il grande evento conclusivo che consiste nel concerto che si terrà a Taranto.

“L’orchestra della Magna Grecia – ha precisato Piero Romano – da quattro anni ha già animato alcune residenze artistiche presso quelle colonie della Magna Grecia con un bando del Ministero della Cultura. Da quel bando è scaturito un progetto che si sta strutturando in maniera straordinaria perché stiamo raccontando in musica e parole la storia della civiltà magno-greca a Taranto. È bellissimo pensare che nel 2026 con i Giochi del Mediterraneo, potremo offrire ai turisti una collana di  cd che raccontano in musica e testi tutta la nostra civiltà e questo grazie ai ragazzi che vincono  delle borse di studio e fanno delle residenze artistiche”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: