PULIZIA E DECORO URBANO ANCHE NEI TERRENI PRIVATI – LA NUOVA ORDINANZA.

TARANTO 5 SETTEMBRE 2020

Pulizia e manutenzione delle aree private, ordinanza del sindaco Melucci

Tutti i proprietari di aree private presenti all’interno del territorio comunale, per esempio terreni incolti, aree verdi o pertinenziali, aree inedificate, dovranno obbligatoriamente provvedere alla loro manutenzione.Lo ha disposto il sindaco Rinaldo Melucci attraverso l’ordinanza 52 del 4 settembre, un provvedimento che mira a estendere la cura e l’attenzione per il decoro anche oltre la stretta competenza dell’amministrazione comunale.L’abbandono e l’incuria delle aree private, infatti, è potenziale causa di disagi e danni per tutti. La mancata rimozione di vegetazione spontanea, arbusti, potature e rifiuti accumulati nei terreni, spesso a ridosso di strade pubbliche, o la scarsa manutenzione di canali di scolo, aumentano il rischio di incendi, proliferazione di animali infestanti e allagamenti, oltre a concorrere a una generale percezione di degrado.«Contro questi fenomeni abbiamo pensato di predisporre delle contromisure – ha spiegato il sindaco –, anche per rimarcare che non tutto quello che appare non curato è di competenza pubblica. I privati devono fare la loro parte per aumentare il livello di decoro del territorio, diversamente interverremo con pesanti sanzioni: non consentiremo che la negligenza di qualcuno vanifichi gli sforzi che compiamo quotidianamente per preservare la bellezza della nostra città».I destinatari dell’ordinanza dovranno provvedere, entro 30 giorni, a potare tutta la vegetazione che si protende su strade e aree pubbliche, comprese le radici che danneggiano l’asfalto, a ripulire le aree da erbacce, materiali e rifiuti accatastati, a provvedere alla manutenzione dei canali di scolo e, dove non vi fossero recinzioni, a installarla se non si volesse consentire l’accesso o, in alternativa, a installare cartelli che individuino la proprietà privata.Tali operazioni dovranno essere eseguite sistematicamente e ciclicamente, la loro inosservanza comporterà sanzioni da 25 a 500 euro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: