EURISPES, VOCE AUTOREVOLE CONFERMA: LIBERIAMO TARANTO.

di Daniela Spera* Il 13 maggio scorso era attesa la sentenza del Consiglio di Stato. Chi si aspettava un verdetto di chiusura degli impianti inquinanti è rimasto deluso. Sì, perché non conforta il fatto che i massimi giudici amministrativi abbiano deciso di rifletterci sù. Perché ogni giorno, ogni minuto e ogni secondo di attesa inContinua a leggere “EURISPES, VOCE AUTOREVOLE CONFERMA: LIBERIAMO TARANTO.”

DENUNCIA IN PROCURA PER I NUOVI INQUINATORI E CHIUSURA TOTALE SENZA SE E SENZA MA

L’associazione Giustizia per Taranto presenta un esposto in procura sull’inquinamento attuale dello stabilimento ex Ilva di Taranto. “Per la prima volta mettiamo sotto accusa anche Acciaierie d’Italia, cioè lo Stato”, è quanto ha dichiarato Massimo Ruggieri, presidente dell’associazione. La denuncia riguarda l’inquinamento che va da ottobre 2019 a maggio 2021 e vuole prendere il testimoneContinua a leggere “DENUNCIA IN PROCURA PER I NUOVI INQUINATORI E CHIUSURA TOTALE SENZA SE E SENZA MA”

ILVA E LAVORO: IL BICCHIERE MEZZO PIENO

Appalto Arcelor Mittal, l’azienda cambia ditta per la pulizia industriale degli impianti con riferimento all’Agglomerato all’interno dello stabilimento siderurgico di Taranto. La nuova azienda, la Gea Power ha garantito ai sindacati il mantenimento dei livelli occupazionali per 78 lavoratori a tempo indeterminato ed ha posto in lista per le prossime assunzioni con diritto di prelazioneContinua a leggere “ILVA E LAVORO: IL BICCHIERE MEZZO PIENO”

La coerenza non paga, breve storia di un sindaco indeciso

Secondo quanto dichiarato in settimana dal sindaco Rinaldo Melucci, Taranto sarà “l’emblema del Green New Deal Italiano”, cioè del “nuovo patto verde”, che in maniera più ampia significa la “risposta” – con misure concrete, nuove leggi e investimenti da realizzare nei prossimi trent’anni – all’emergenza dei cambiamenti climatici, quel patto verde del quale si parla in EuropaContinua a leggere “La coerenza non paga, breve storia di un sindaco indeciso”

CONDIZIONI DI LAVORO INUMANE E DEGRADANTI, E’ QUANTO CONTESTA LA CORTE DI STRASBURGO ALL’ITALIA

di Piero Piliego Proprio mentre il Governo decide di salvare per l’ennesima volta l’Ilva, nonostante la Corte di Strasburgo abbia già condannato l’Italia per aver consentito “condizioni di lavoro degradanti ed inumane”, arriva un nuovo ricorso. La Cedu ha ritenuto di dover procedere nei confronti dell’Italia a seguito del ricorso presentato da tre operai, rappresentatiContinua a leggere “CONDIZIONI DI LAVORO INUMANE E DEGRADANTI, E’ QUANTO CONTESTA LA CORTE DI STRASBURGO ALL’ITALIA”

MORSELLI DRIBBLA L’AUDIZIONE DELLA COMMISSIONE REGIONALE. AL SUO POSTO FERRUCCI

Si terrà lunedì 22 giugno, alle ore 12 a Bari, in IV commissione consiliare, presieduta dal consigliere jonico Donato Pentassuglia, l’audizione dei vertici di ArcelorMittal Italia.A chiedere che l’ad del gruppo, Lucia Morselli, fosse audita è stato il consigliere regionale Gianni Liviano in seguito alla decisione del management di bloccare alcuni impianti e di rinviareContinua a leggere “MORSELLI DRIBBLA L’AUDIZIONE DELLA COMMISSIONE REGIONALE. AL SUO POSTO FERRUCCI”

UN ALTRO POSSIBILE CASO COVID-19 IN ARCELORMITTAL SECONDO IL CONSIGLIERE BATTISTA

Il consigliere del Comune di Taranto Massimo Battista, informa attraverso i social di un altro possibile caso di positività al covid19 di un operaio ArcelorMittal. Il consigliere riferisce che:“Un lavoratore ex/ilva ieri (11/4/20) ha terminato il secondo turno di lavoro alle ore 23,00 in acciaieria/2 reparto convertitori con la mansione addetto affinazione, rientrato a casaContinua a leggere “UN ALTRO POSSIBILE CASO COVID-19 IN ARCELORMITTAL SECONDO IL CONSIGLIERE BATTISTA”